Crescebene SitiFeste per bambiniFesta dell'EpifaniaI falò della Befana

I falò della Befana

I falò della Befana 19 Novembre 2012Leave a comment
falò epifania

falò epifaniaPer la Festa della Befana, in molte zone di Italia, soprattutto nel Nordest, è tradizione fare dei falò, dove bruciano grandi cataste di legno sovrastate da un fantoccio vestito di stracci e somigliante alla Befana, per inaugurare l'anno nuovo. Infatti l'aspetto da vecchia del fantoccio sarebbe una raffigurazione dell'anno vecchio che, una volta terminato, si può bruciare in modo da cominciare nel migliore dei modi l'anno che viene.

Usanza purificativa nata in epoca pre-cristiana, ora si svolge la notte che precede l'Epifania e la fiamma simboleggia la speranza, la prosperità e la forza di bruciare il vecchio e tutte le cose brutte e tristi successe.

Il falò dell'Epifania in Friuli ed in Veneto.

In Friuli, si celebra il Pignarûl (o Panevin o Seima, dipende dalla zona) e si accendono grandi falò propiziatori, durante i quali si guarda la direzione in cui vanno le scintille: se si dirigono verso est ci sarà buona sorte nei mesi a venire, se si dirigono verso ovest sarà tempo per andare in cerca di fortuna. Questo deriva dal proverbio friulano se il fum al va a soreli a mont, cjape il sac e va pal mont; se il fum invezit al va de bande di soreli jevât, cjape il sac e va al marcjât ("se il fumo va a occidente, prendi il sacco e va per il mondo; se il fumo invece va a oriente, prendi il sacco e va al mercato").

Riti propiziatori ed invitanti degustazioni

Nel basso Veneto, il falò si chiama Casera ed è una tradizione antichissima risalente ai Celti, i quali accendevano dei fuochi per ingraziarsi la divinità del fuoco. Il fantoccio rappresenta il passato e, bruciandolo, lo si lascia alle spalle e si scongiurano malefici. In questo caso, le superstizioni sull'andamento della Casera riguardano la croce che è posta sulla sommità della catasta: se cade, si dice che porti male.



Entrambe queste celebrazioni sono accompagnate dalla degustazione di vin brulè e di un pezzo di "pinza", focaccia tipica di questa festa in queste zone, e vengono poi serviti altri cibi tipici del posto e vengono organizzati spettacoli pirotecnici con fuochi d'artificio.